Laura Grisi

Rodi (Grecia)

Il lavoro di Laura Grisi è da sempre incluso nella Pop art italiana, ma in verità fin dagli inizi si spinge oltre, captando prontamente le diverse linee della ricerca artistica internazionale coeva e operandone un’originale sintesi.

Dal suo esordio nel 1964 sino al 1968, infatti, l’opera di Grisi da un lato presenta elementi precipui dell’arte sviluppatasi nella prima metà degli anni Sessanta, quando cioè il benessere economico induce gli artisti a simulare la società dei consumi, mutuandone oggetti, immagini e media (nella Pop art), oppure analizzando le capacità delle nuove tecnologie di influenzare la percezione (nell’Optical art e nell’Arte cinetica-programmata), altresì assumendo dalla produzione industriale la modularità, la geometria e l’assenza dell’intervento soggettivo-artigianale (nel Minimalismo). Ma dall’altro lato, l’opera di Grisi include già elementi propri delle ricerche sviluppatesi in Italia e all’estero nella seconda metà degli anni Sessanta, quando una fase di recessione economica porta gli artisti a considerare alienante la società dei consumi e dunque a tentare di restituire a ogni individuo il potenziale creativo atrofizzato rendendolo protagonista di un’arte de-materializzata, de-estetizzata e teatrale (nell’azione ef mera e nell’installazione site-specic caratteristiche dell’Arte povera e processuale).

“Il tuo lavoro, dall’inizio, ha presentato una certa ‘teatralità’, [...] gli spazi rivelati dai tuoi lavori sono più simili a escursioni nell’artificiale, nella finzione.”

Germano Celant

Opere Disponibili

+
Laura Grisi, Sphere with Grass Field, 1966, plexiglas e tecnica mista, diam. cm.43, acrilico su tela, cm.92hx120x3
+
Laura Grisi, Glotsy, 1966, neon, acrilico su carta, tela, ondulux, legno, plexiglass rotante, cm.163x131x15,5
+
Laura Grisi, Grass Field, 1966, acrilico su tela, plexiglas, pannelli scorrevoli, cm.98hx62x12
+
Laura Grisi, Seascape, 1966, acrilico su tela, plexiglas, pannelli scorrevoli, cm.100hx122x12
+
Laura Grisi, Senza titolo, 1966, acrilico, grafite e pennarelli su cartoncino, cm.100x70
+
Laura Grisi, Senza titolo, 1966, acrilico, grafite e pennarelli su cartoncino, cm.92x62
+
Laura Grisi, St.Marks Place, 1967, neon, plexiglass, aluminio, pannelli scorrevoli/neon, plexiglass, aluminium, sliding panels, cm.175x185,5x21
+
Laura Grisi, Subway, 1967, neon, plexiglass, aluminio, pannelli scorrevoli, cm.163x103x22
+
Laura Grisi, Sunset Light, 1967, neon, plexiglass, cm.219x30x30
+
Laura Grisi, Spiral Light, 1968, neon, plexiglass, cm.222x20x20
+
Laura Grisi, Wind Speed 40 Knots, 1968, video b/n digitale da film in 16mm, 4’45’’, ed.of 5+2ap
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Ok, chiudi