Adrian, George, Peter, Sofia e Tamina

31 gennaio – 30 marzo 2019

Galleria P420 è lieta di presentare la mostra collettiva Adrian, George, Peter, Sofia e Tamina.

Cinque artisti, cinque processi pittorici, diverse geografie, storie, battaglie con la forma. Adrian, George, Peter, Sofia e Tamina esalta le diversità all’interno di un’unica disciplina, contrastando l’idea di network e di connessione necessaria.

Si sono riunite cinque personalità; le si espone nella maniera più schietta possibile in una mostra che sin dal titolo è denotata unicamente dal nome proprio dell’artista. Lo spazio di P420 ospita in un sol colpo innumerevoli battaglie pittoriche.

Adrian, George, Peter, Sofia e Tamina è un’esposizione fortemente convinta del fatto che la pittura, quella astratta come quella figurativa, vada ben oltre l’immagine e la rappresentazione. Per questo si è selezionato un gruppo di artisti fortemente process-based, artisti che giocano la propria intelligenza umana e visiva nell’intuizione e nel tempo del fare, anche a costo di fare male, di rinunciare alla politezza dell’opera, in favore di una violenza costruttiva ed emotiva che va oltre il risultato, oltre l’oggetto, e agisce e basta.

Con l’opera del polacco Adrian Buschmann (Katowice, PL, 1976) si entra nei segreti passaggi della più raffinata, studiata seduzione mitteleuropea; la pittura è docile, silenziosa, si nasconde dietro un grande ventaglio di linee impercettibili e superfici ampie ed eleganti, si svela ‘sorella aperta’ di un’architettura e di un design di area austro-tedesca coltivati dal chirurgico occhio di Adrian, mago urbano, saltuario commentatore della società.

Assenza di contrasto tonale, languore e profondità del pigmento, danza, monolitico sfiorarsi dei corpi, composizioni dominate dalla carne liscia, bruciature sulla carne spessa: ecco il dominio dell’inglese George Rouy (Sittingbourne, UK, 1994). L’opera di George è portabandiera della speranza che in pittura il corpo possa tornare a essere pericoloso e ribelle; nella sensualità dei suoi dipinti, George è vicino alla pittura sacra.

L’americano Peter Shear (Beverly Farms, Massachusetts, US, 1980) sperimenta cento diverse intuizioni. In ogni opera del suo vasto repertorio si dedica a una particolare sfida pittorica; ogni sfida si giostra in una definita economia dei mezzi e in un dato, seppur inconscio, riferimento storico-artistico. Il suo processo è aperto, ironico, fortemente intellettuale senza per questo perdere la propria intimità che è forte, attenta agli edges del dipinto, esplosa e spessa.

L’italiana Sofia Silva (Padova, IT, 1990) gioca d’azzardo, in territori brulli, sul filo del rasoio pittorico. Le opere e le stoffe dell’artista sono tagliate con la spada di Giovanna d’Arco, contro ogni illusione, ogni tecnicismo, ogni luogo comune, persino contro ogni opposto del luogo comune, per una pittura più crudele, artaudiana, capace di esprimere una violenta sessualità femminile. Sofia presenta.

La tedesca Tamina Amadyar (Kabul, AFG, 1989) circoscrive le proprie pennellate in aree di due colori la cui interazione permette d’interrogarsi sullo spazio, sulla profondità visiva. Le luminose tele di Tamina parlano di azioni, permettendo di riconoscere i movimenti compiuti dal corpo dell’artista nel dipingerle; ricordano che l’opera, sia essa grassa o scarna, deve respirare e saper accogliere il tempo del silenzio, ponendo un dito dinanzi alle proprie labbra.

Obbiettivo di Adrian, George, Peter, Sofia e Tamina è quello di essere una mostra difficile, felice di causare un leggero mal di testa.

Exhibition Works

+
Adrian Buschmann, Abstrakte Bildidee, 2015, legno, metallo, cannuccia, olio su tela, cm.40x30
+
Adrian Buschmann, dancing (dla chwistka), 2013, pastello a olio su tela, cm.241x201
+
Sofia Silva, Gamine Gamin, 2018-19, collage e tecnica mista su tela, cm.50x70
+
Peter Shear, Almond Milk, 2018, acrilico su tela, cm.20,3x25,4
+
Peter Shear, Copenhagen, 2018, acrilico su tela, cm.25,4x20,3
+
Tamina Amadyar, 7/11, 2018, pigmento, colla di coniglio su tela/pigment and glutin on canvas, cm.170x140
+
Adrian Buschmann, Self Portrait as nijinski, 2019, olio e pastello a olio su tela, cm.34x29
+
George Rouy, A conversation #1, 2018, acrilico su tela, cm.80x65
+
Sofia Silva, Porky, 2018, olio e pastello ad olio su tela, cm.60x50
+
Peter Shear, Janus, 2018, acrilico su tela, cm.25,4x20,3
+
Sofia Silva, Leek.Starlet, 2019, collage e tecnica mista su cartone telato e alluminio, cm.83x63
+
Peter Shear, Untitled, 2018, acrilico su tela, cm.40,6x50,8
+
Adrian Buschmann, Self while dancing, 2019, olio su cotone, sbarra da danza, cm.240x150
+
Sofia Silva, L'anello di fidanzamento, 2017, olio e acrilico su tela, cm.25x35
+
Adrian Buschmann, people always make war, when they say they love peace, 2018, olio su tela, cm.242x202x7
+
Sofia Silva, Autoritratto con collana di perle, 2017-18, olio e carboncino su tela, cm.50x70
+
Tamina Amadyar, Nolita, 2018, pigmento, colla di coniglio su tela, cm.200x160
+
Tamina Amadyar, Azur, 2018, pigmento, colla di coniglio su tela, cm.200x160
+
George Rouy, A secret #2, 2018, acrilico su tela, cm.80x65
+
Peter Shear, Correction Fluid, 2018, acrilico su tela, cm.25,4x20,3
+
Sofia Silva, Festival Gondola, 2017, collage e olio su tela, cm.43x53
+
Tamina Amadyar, general sherman, 2018, pigmento, colla di coniglio su tela, cm.200x160
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Ok, chiudi