Riccardo Baruzzi, Costanza Candeloro, Giulia Cenci, Cristian Chironi, Eva Marisaldi, Italo Zuffi

Le Leggi Dell'Ospitalità

11 ottobre – 15 novembre 2014

Con Le leggi dell'ospitalità a cura di Antonio Grulli la Galleria P420, dopo un percorso incentrato soprattutto su nomi maggiormente storicizzati, si apre alle ultime generazioni di artisti italiani.

Una collettiva di artisti giovani e mid career legati, per nascita o formazione, alla città di Bologna e al territorio circostante. Riccardo Baruzzi, Costanza Candeloro, Giulia Cenci, Cristian Chironi, Eva Marisaldi, Italo Zuffi, sei nomi che attraversano per età le ultime generazioni italiane, dai nati negli anni sessanta (Marisaldi e Zuffi) e settanta (Baruzzi e Chironi) fino agli artisti che da poco si sono confrontati con il mondo delle accademie (Candeloro e Cenci).
 
Per questo nuovo percorso di ricerca, la galleria ha desiderato partire dalla città in cui opera quotidianamente e che, nonostante le dimensioni, negli ultimi decenni è stata uno dei luoghi intellettualmente e artisticamente più vivaci del paese. Molti degli artisti, dei critici e dei curatori italiani che si sono fatti strada negli ultimi anni si sono formati e hanno mosso i primi passi proprio a Bologna.
 
Il titolo Le leggi dell'ospitalità è tratto dalla trilogia scritta da Pierre Klossowski. Un titolo in grado di racchiudere ed evocare le opere in mostra, che spazieranno da un'indagine degli ambienti e dei dettagli della vita di tutti i giorni, fino ad abbracciare le dinamiche interpersonali e il modo in cui siamo in grado di comunicare con l'altro da noi, modificandolo ed essendone modificati, inevitabilmente, ogni volta.
 
I sei artisti lavorano con i linguaggi più diversi: dalla pittura alla performance, dal video all'installazione, dal disegno alla scrittura e riescono ad essere uno spaccato della stessa Bologna e delle sue molte sfaccettature. Il loro legame con la città non deve però essere inteso in senso anagrafico. Alcuni di loro vi sono nati e vi risiedono; altri hanno scelto di venire a formarsi qui e poi vi si sono fermati; alcuni ancora vi sono transitati per un periodo significativo della loro vita.

Ciò che li accomuna è il fatto che il loro lavoro e le loro opere sono state radicalmente influenzate dall'ambiente culturale e artistico bolognese. Una territorio ancora in grado di manifestarsi con una forte poetica, che li porta a condividere spesso tematiche, suggestioni, riferimenti, e anche determinati tagli stilistici o temperature sentimentali, rendendo questo gruppo di artisti estremamente compatto nonostante i lavori a livello superficiale si manifestino talvolta in maniere completamente differenti ed autonome.

Exhibition Works

+
Costanza Candeloro, Alice's Adventures Underground, 2014, serie di 9 disegni matita su carta, cm.21×29,7, stampa digitale, cm.65x48,9, particolare
+
Costanza Candeloro, Alice's Adventures Underground, 2014, serie di 9 disegni matita su carta, cm.21×29,7, stampa digitale, cm.65x48,9, particolare
+
Riccardo Baruzzi, Senza titolo, 1999, acquerello, succo di mirtillo e pennarello su carta, cm.48x33
+
Riccardo Baruzzi, Ordine 1 / Unbelievable orgy in the garden, 2014, matita, pennarello e gouache su calicot e acrilico su carta, cm.40x50
+
Riccardo Baruzzi, Ordine 2 / Share a load with friend, 2014, matita, pennarello e gouache su calicot e acrilico su carta, cm.40x50
+
Riccardo Baruzzi, Ordine 3 / Süper yaaaa, 2014, pennarello e gouache su calicot e acrilico su carta, cm.40x50
+
Riccardo Baruzzi, Ordine 4 / Carneval fuck fest samba, 2014, matita, pennarello e gouache su calicot e acrilico su carta, cm.40x50
+
Eva Marisaldi, Livingrooms, 2005, telo dipinto a spray, grande bicchiere, 2 statuette, 1 specchio con cornice in metallo, 1 foto in cornice, 5 piantine in plastica
+
Cristian Chironi, Broken english: step 3 Connections or set, 2013, differenti tessuti (Royal inglese; belga; italiano; etc.), cm.120x120x93
+
Riccardo Baruzzi, senza titolo, 1999, acquerello e pennarello su carta, cm.48x33
+
Giulia Cenci, , 2014, poliestere, polvere di marmo, argilla, cm.97,5x66,5x38
+
Italo Zuffi, Gli ignari, 2013, 7 elementi in ceramica, traccia audio, dimensioni ambiente, esemplare unico
+
Cristian Chironi, Broken english: step 3 Connections or set, 2013, tappeti differenti per origine, lavorazione e funzionalità (scendiletto di Sarule, tappeto comune, etc.), cm.190x70
+
Italo Zuffi, Profilato Villa, 2001, legno e vernici, cm.160x122,5x12, esemplare unico
+
Giulia Cenci, Almost invisible #6, 2014, plastica, poliestere, cm.87x47,5
+
Eva Marisaldi, Coverage, 2014, progetti per tappeto, stampa su alluminio, cm.20,5x15

Reviews

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Ok, chiudi