CANTIERE

23 novembre – 14 gennaio 2020

Inaugura il prossimo sabato 23 Novembre Cantiere, seconda mostra personale di Paolo Icaro (Torino, 1936) alla galleria P420.

Con una straordinaria produzione artistica che abbraccia un arco di tempo lungo oltre cinquant’anni, Icaro mette in scena negli spazi di P420 una mostra-opera, un viaggio attraverso alcuni momenti fondamentali del suo stesso percorso, una ventina di opere dagli anni ’60 ad oggi scelte e presentate all’interno di un’esperienza unitaria che l’artista chiama Cantiere.

Cantiere, area di lavoro all’interno della quale si svolgono le operazioni necessarie alla costruzione di un’architettura, di un’opera, area di intervento, di cambiamento. Cantiere è il cambiamento, è il divenire, è il progetto e la consapevolezza del cambiamento. Cantiere è la costruzione del cambiamento. E’ un viaggio personale, è unfinished, è un traguardo non ancora raggiunto. Cantiere è la costruzione dei sogni.

Come spiega lo stesso artista “Cantiere è luogo di lavori in corso: la domanda, la scelta, si susseguono attraversate dal filtro critico, le ipotesi si convertono in azioni che aprono altre ipotesi, altre riflessioni critiche. Nel Cantiere lo spazio è dinamico, continuamente modificato, ripensato, aggiustato, deformato, e il fare lascia spazio al disfare per rifare.

Tra le mostre personali più recenti ricordiamo Antologia 1964-2019, a cura di Elena Volpato e attualmente in corso presso GAM, Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea, Torino, Alla ricerca dell’equilibrio perduto, Galleria Massimo Minini, Brescia (2018), Un prato in quattro tempi, La Statale Arte, Milano (2017),  Le Pietre del Cielo: Paolo Icaro e Luigi Ghirri, Fondazione Querini Stampalia, Venezia (2017) e Respiro, all’interno dell’esterno dell’interno..., Fondazione VOLUME!, Roma (2017).

Exhibition Works

+
Paolo Icaro, Morse, 2017, gesso, cm.181,5x14x7
+
Paolo Icaro, Momento, incesto, 1995, gesso e piombo, cm23x67x67
+
Paolo Icaro, Stele, affresco, 1992, gesso e acrilico, cm.185x37x18
+
Paolo Icaro, Racconto, oltremare, dal 1969 (2005), vetro di Murano e piombo, cm.100x135x11
+
Paolo Icaro, Momento, pietra dell’Adda, 1986, gesso e pietra, cm.51x85x40
+
Paolo Icaro, Mappa, cherry bones, 2015, matita su carta, noccioli, acciaio, cm.100x125x13
+
Paolo Icaro, Spazio, liberato, 2018, acciaio verniciato, cm.202x61x33
+
Paolo Icaro, Innesto, bosso, 2008-2009, legni e piombo, cm.164x20x16
+
Paolo Icaro, Question, 2005, legno e filo di acciaio inox, cm.56x30x26
+
Paolo Icaro, Hopscotch, 1967, acciaio dipinto e catena di acciaio zincato, cm.8,5x400x250
+
Paolo Icaro, Trentuno pollici della mano sinistra, 1971, acciaio inox, cm.6x102,5x2
+
Paolo Icaro, Racconto, dal 1969 (2018), Derlin e carta da oscuramento, cm.11x19x12,5
+
Paolo Icaro, Racconto, dal 1969 (2015), legno di rovere e carta da oscuramento, cm.11x38x26
+
Paolo Icaro, Racconto, dal 1969 (2016), acciaio e piombo, cm.11x38x26
+
Paolo Icaro, Racconto, dal 1969, onice multicolor e piombo, cm.11x38x26
+
Paolo Icaro, Racconto, dal 1969 (2018), onice bianco e piombo, cm.11x38x26
+
Paolo Icaro, La stanza della favola, 1970-1976, installazione, dimensioni variabili
+
Paolo Icaro, Pagine intime, 2008, gesso su polistirolo, cm.200x100x10
+
Paolo Icaro, Real Estate, 1976, giornali, stampa su giornale e vetro, cm.3x140x123
+
Paolo Icaro, Misure dal corpo, Luogo del punto, assi, 1972, peralluman, cm.180x90x0,5
+
Paolo Icaro, Misure dal corpo, Luogo del punto, diagonali, 1972, peralluman, cm.180x90x0,5
+
Paolo Icaro, Misure dal corpo, Luogo del punto, ombelico, 1972, peralluman, cm.180x90x0,5
+
Paolo Icaro, Misure dal corpo, Luogo del punto, mente, 1972, peralluman, cm.180x90x0,5
+
Paolo Icaro, Misure dal corpo, Luogo del punto, testa, 1972, peralluman, cm.180x90x0,5
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Ok, chiudi